Accedi

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami
Domenica 23 Settembre 2018

Un freno alla fatturazione a conguaglio: prescrizione a due anni

Novità nella legge di Bilancio approvata a dicembre 2017


263 prescrizione

Attualmente, i crediti riguardanti forniture di acqua, energia elettrica e gas, e in genere i crediti riguardanti “tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi” (come, ad esempio, ogni mese o bimestre), si prescrivono nel termine di 5 anni, secondo quanto dettato dall’art. 2948, n. 4, codice civile. Questo, specialmente per i clienti domestici e le microimprese, soggette a fatturazioni a stima, rappresenta una problematica non indifferente perché comporta la ricezione di conguagli a distanza di 5 anni dalla data di scadenza di ogni fattura.

La legge di Bilancio ha recepito la proposta di legge A.C. 3792, promossa dalle più importanti associazioni dei consumatori, dal titolo “Disposizioni a tutela dei consumatori in materia di fatturazione a conguaglio per l'erogazione di energia elettrica, gas e servizi idrici”. Al comma 4 dell’articolo 1, è previsto quanto segue: “Nei contratti di fornitura di energia elettrica e gas, il diritto al corrispettivo si prescrive in due anni, sia nei rapporti tra gli utenti domestici o le microimprese, come definite dalla raccomandazione 2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, o i professionisti, come definiti dall'articolo 3, comma 1, lettera c), del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e il venditore, sia nei rapporti tra il distributore e il venditore, sia in quelli con l'operatore del trasporto e con gli altri soggetti della filiera. Nei contratti di fornitura del servizio idrico, relativi alle categorie di cui al primo periodo, il diritto al corrispettivo si prescrive in due anni.”.

Il legislatore ha previsto infine un’entrata in vigore differita della norma:

  • 1 marzo 2018 per le aziende del settore elettrico;
  • 1 gennaio 2019 per quelle del gas metano;
  • 1 gennaio 2020 per quelle dell’acqua.


Questa novità fa risultare ancora più importanti i dati reperibili dalla lettura dei contatori, che il distributore deve comunicare al venditore. Si auspica che questo ottimizzi il processo, già in atto, da parte dei distributori, dell’adozione dei contatori teleletti.

Approfondimento

Nella categoria delle piccole e medie imprese (PMI), la raccomandazione 2003/361/CE del 6 maggio 2003 definisce microimpresa un'impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

ALTRE NEWS

CONTATTACI

Polo Tecnologico per l'Energia srl
Via dei Felti, 38
38015 - Lavis TN

Tel. +39 0461 391535
Fax. +39 0461394497

Contattaci via email

GALLERIA IMMAGINI

A breve la nuova galleria immagini PTE...

Scroll to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o navigando le pagine, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione dedicata