Accedi

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami
Giovedì 3 Dicembre 2020

Nuova legge sulla “Green economy”: le principali novità

Al via le nuove norme a favore della green economy per il contenimento dell'uso eccessivo delle risorse naturali


148 green economy

Dal 2 febbraio è in vigore il Collegato ambientale alla legge di stabilità 2016, una nuova normativa a favore della “Green economy” che si pone numerosi obiettivi fra cui lo sviluppo dell’economia circolare, la promozione delle energie rinnovabili, la protezione dell’ambiente e delle risorse naturali.

La strategia adottata per raggiungere gli obiettivi preposti prevede la promozione del riutilizzo delle risorse e della sostenibilità ambientale con incentivi dedicati ai consumatori, produttori e istituzioni che si attengano ad un comportamento virtuoso e “risparmioso”.

Fra le tante novità è stata data particolare importanza ai temi legati all’economia circolare, infatti viene agevolato economicamente l’utilizzo dei sottoprodotti agroindustriali negli impianti a biomassa per cercare di contenere la produzione di CO2 e l’acquisto di prodotti derivanti da materiali “post consumo” riciclati o derivanti dal recupero di scarti di vario tipo. E’ stato istituito inoltre il marchio “Made Green in Italy” per indicare l’impronta ambientale dei prodotti e promuovere l’adozione di tecnologie di produzione innovative che mirano alla riduzione dell’impatto ambientale dei prodotti durante il loro ciclo di vita.

Un progetto particolare da realizzare in un arco temporale non ancora ben prefissato è l’istituzione di aree territoriali “Oil free zone” nelle quali il petrolio e i suoi derivati saranno progressivamente sostituiti da energie prodotte da fonti rinnovabili, e in particolare gli incentivi saranno rivolti non al fotovoltaico ma al microidroelettrico e alle biomasse.

Il sistema di gestione, riciclo e smaltimento dei rifiuti trova ampio spazio nella normativa con un capitolo dedicato e fra le tante novità è previsto un aumento delle sanzioni per l’abbandono di rifiuti di piccolissime dimensioni e lo stanziamento di nuovi incentivi economici promossi dalle regioni per i comuni che incrementeranno la raccolta differenziata e che investiranno in campagne di sensibilizzazione verso il riciclo dei rifiuti. Sarà reintrodotto in via sperimentale il vuoto a rendere nei bar e ristoranti per i produttori di birra e acqua minerale, verrà promosso l’autocompostaggio e verrà promosso a favore delle imprese il credito d’imposta del 50 % (ripartito in tre anni) sulle spese sostenute per interventi di bonifica dell’amianto su beni e strutture produttive.

 

CONTATTACI

Polo Tecnologico per l'Energia srl
Via dei Felti, 38
38015 - Lavis TN

Tel. +39 0461 391535
Fax. +39 0461394497

Contattaci via email

GALLERIA IMMAGINI

A breve la nuova galleria immagini PTE...

Scroll to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o navigando le pagine, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione dedicata