Accedi

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami
Lunedì 13 Luglio 2020

Le nuove linee guida nel meccanismo dei certificati bianchi

Molte e consistenti novità: dai progetti ammissibili alle modalità di valutazione dei risparmi, dalle procedure di controllo e verifica agli strumenti di supporto


227 novita tee

Con l'entrata in vigore del decreto interministeriale 11 gennaio 2017 sono stati aggiornati i criteri, le condizioni e le modalità di realizzazione dei progetti di efficienza energetica negli usi finali per l'accesso al meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE), noti anche come Certificati Bianchi, per il periodo 2017-2020.

I TEE sono titoli negoziabili che certificano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica. Il sistema dei certificati bianchi prevede che i distributori di energia elettrica e di gas naturale raggiungano annualmente obiettivi di risparmio di energia primaria, espressi in Tonnellate Equivalenti di Petrolio (TEP) risparmiate. Le attività di gestione, valutazione e certificazione dei risparmi correlati a progetti di efficienza energetica condotti nell'ambito del meccanismo dei Certificati Bianchi sono affidate al Gestore Servizi Energetici (GSE).

Le principali novità sono riportate, in seguito, in forma schematica.

  1. Valore energetico dei TEE: 1 TEE = 1 TEP risparmiato (scompare il coefficiente moltiplicativo “tau”)
  2. Durata dell’incentivo: tra 3 e 10 anni a seconda della categoria dell’intervento. La cogenerazione segue un iter diverso (D.M. MSE 5/9/11)
  3. Due sole metodologie di valutazione dei risparmi: progetti a consuntivo (PC) e progetti standardizzati (PS)
  4. I progetti a consuntivo prevedono misurazioni giornaliere per almeno 6 mesi per definire i consumi pre intervento, baseline; per i progetti standardizzati vale la medesima regola, a meno di “sconti” da parte del GSE
  5. Soglie minime di risparmio addizionale nei primi 12 mesi di monitoraggio: 5 TEP per progetti standardizzati, 10 TEP per progetti a consuntivo
  6. Tipologie di certificati: Tipo I (risparmio energia elettrica), Tipo II (risparmio gas naturale), Tipo III (risparmi diversi da energia elettrica e gas naturale non nel settore dei trasporti), Tipo IV (risparmi diversi da energia elettrica e gas naturale nel settore dei trasporti)

La qualifica di controparte centrale assunta dal GME consente di eliminare il rischio di controparte ed introduce una semplificazione degli adempimenti amministrativo-contabili derivanti dalla partecipazione al 

mercato organizzato (al termine di ciascuna sessione di mercato i venditori dovranno emettere una sola fattura nei confronti dell’acquirente GME e gli acquirenti riceveranno un’unica fattura dal GME)

Lunedì 19 giugno il GSE ha pubblicato i "Chiarimenti operativi per la presentazione dei progetti" di efficienza energetica per i quali è richiesto l'accesso al meccanismo dei Certificati Bianchi. Con la prossima newsletter saranno riassunte le principali novità. Nel frattempo, la difficoltà ad ottenere i titoli, l’incertezza legata all’obbligo delle misurazioni per 6/12 mesi per la definizione della baseline e l’effetto di piccoli operatori che hanno comperato a prezzi alti sono fattori che hanno contribuito all’aumento delle quotazioni dei titoli, arrivati fino a 270 Euro/TEE.

Polo Tecnologico per l’Energia da oltre tre anni ha ottenuto la certificazione UNI CEI 11352:2014 per le attività di "Erogazione di servizi energetici integrati volti al miglioramento dell'efficienza energetica presso i propri clienti mediante installazione di sistemi di monitoraggio e misura del consumo energetico". Dal mese di luglio 2016, la norma UNI CEI 11352:2014 è un obbligo di legge per le E.S.Co. che vogliono accedere al meccanismo dei “Certificati bianchi” ed effettuare diagnosi energetiche ai sensi del D.Lgs 102/2014. PTE rimane a disposizione per offrire eventuale assistenza nell’ottenimento dei Certificati Bianchi.

Approfondimenti

Nel 1° trimestre 2017 le richieste pervenute sono 2.472, mentre nel 2016 ammontano a 11.709. Le pratiche evase sono il 47% del 2017 (il 97% con esito positivo), nel 2016 il 97% (l’84% con esito positivo). Lo scorso anno il GSE ha erogato 16 miliardi di euro d'incentivi alle fonti rinnovabili ed all'efficienza energetica (pari a circa l'1% del Prodotto interno lordo italiano). I TEE hanno pesato per circa 1 miliardo di euro.

 

CONTATTACI

Polo Tecnologico per l'Energia srl
Via dei Felti, 38
38015 - Lavis TN

Tel. +39 0461 391535
Fax. +39 0461394497

Contattaci via email

GALLERIA IMMAGINI

A breve la nuova galleria immagini PTE...

Scroll to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o navigando le pagine, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione dedicata